Il 25 aprile, ma soprattutto i blog sulla pallacanestro.

Tra le pagine Facebook che si possono seguire ci sono quelle dei blog di pallacanestro. Ecco, i blog dei pallacanestro sono scritti da persone più o meno mie coetanee che a un certo punto hanno sentito una telecronaca di Federico Buffa.
E da quel momento in poi non sono più stati gli stessi.
Ogni due, tre giorni, scrivono un articolo su un personaggio famoso della pallacanestro americana, dipingendolo come una figura eroica, cantandone le gesta con ammirazione e lirismo.
Buttando la prosa in epica, spingendo a più non posso. Trasformando l’umano in divino.
Mi capita spesso pertanto di leggere nomi in maiuscolo come TIM DUNCAN; o il più affettuoso KOBE; oppure COACH POP; oppure LEBRON, KING JAMES, l’unico, incredibile, inimitabile.
Stiamo ammirando qualcosa che non si è mai visto nella storia dell’umanità dello sport forse anche delle federazioni intergalattiche e persino ad Andromeda c’è chi rosica perché il Basket e il Basket e ancora il Basket e cazzo lo vogliamo pure noi ad Andromeda il Basket.
Per questo un gruppo di alieni anni fa è sceso sulla Terra e ha rubato il talento a Shawn Bradley e Muggsy Bogues e, guarda un po’, hanno perso. Certo, per mano di Sua Maestà, Micheal Jeffrey “His Airness” etuttiglialtrisoprannomi Jordan.
Questo lirismo è facilmente imitabile ed è una strategia a perdere. Perché uno, a furia di enfasi, deve aumentare il numero di virgole. Deve scandire i concetti con punti molto serrati. Al punto, che, a furia di enfasi, di epica, di mito, di leggenda, di cazziduridurissimi, non. resta. che. mettere. un. punto. dopo. ogni. parola.
Sono loro, i blog sportivi. Come me, sono giovani che fanno un lavoro che non vogliono fare. Vogliono fare quest’altro di lavoro: i giornalisti sportivi, i cantori dell’epica, i Pindaro contemporeanei, le penne pungenti, l’epica, Timmy, Pop, Bron, The Answer, The Question, The Big Ticket, The Big Aristotle.
Tutti grandissimi, tutti miti.
Buon 25 aprile. Slam Dunk, CP3, Pick’n’roll, un genio della retina, un funambolo del parquet. Parole parole parole.

Informazioni su Francesco Rigoni

Web Content Editor, Social Media Manager, Musicista, Insegnante di inglese, Autore. Vive a Torino.
Questa voce è stata pubblicata in Blog, Diario. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...